Indagine di Federlazio su piccole e medie imprese, Crea: “Non c’è crescita decisa”

federlazio

Stallo nelle vendite, ma tutto sommato l’industria regge. L’indagine congiunturale sulle piccole e medie imprese industriali di Federlazio Viterbo, ha preso in esame il periodo gennaio-giugno 2019.

Luci e ombre prospettate dalle imprese intervistate dall’associazione del presidente Giovanni Calisti e del direttore Giuseppe Crea. “I segnali di ripresa degli ultimi due anni non disegnano un percorso di crescita deciso”. Le vendite fuori dall’Italia crescono e quelle sul mercato interno tengono, ma si segnala una contrazione di produzione e investimenti. Sul fronte occupazionale si segnala il ritorno della cassa integrazione: “Soprattutto si parla di cassa integrazione straordinaria, che ha a che fare soprattutto con le tre o quattro grandi vertenze ancora aperte nel comparto commerciale”, precisa Crea.

Federlazio
Da sx, assessore comunale Marco De Carolis, presidente Federlazio Gianni Calisti, direttore Giuseppe Crea

D’altronde, l’industria laziale e provinciale è caratterizzata dalla scarsa propensione delle piccole imprese territoriali a investire per migliorare il tasso di internazionalizzazione. E poi ci sono alcuni fattori esogeni negativi, quali la Brexit, il ritorno dei dazi nel commercio mondiale, l’incertezza della politica italiana e la Germania in crisi. “Così – dice ancora Calisti – le imprese rimandano gli investimenti”.

C’è, poi, la ridotta richiesta di credito delle imprese provinciali: “Fenomeno che potrebbe essere considerato un fatto negativo, una rinuncia a investire, ma non è certo che sia così”, commentano i vertici di Federlazio.

Alla presentazione dell’indagine, nella sede di Federlazio in via Sacchi, c’era anche l’assessore Marco De Carolis: “La cultura è un mezzo per attrarre turisti. Sfruttando al meglio gli appuntamenti culturali potremo valorizzare il centro storico”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui