Fratelli d’Italia: “Un ufficio per il centro storico e più fondi ai lavori pubblici”

Fratelli d'Italia ci parla delle sue idee per rilanciare e valorizzare il centro storico di Viterbo

fratelli d'italia
Il gruppo di Fratelli d'Italia

Prosegue asserragliato il dibattito sul centro storico di Viterbo. Nelle ultime settimane maggioranza e opposizione si sono confrontati a più riprese sul tema, prima al Consiglio straordinario dedicato, poi in terza commissione.

I diversi gruppi consiliari – chi più, chi meno – hanno manifestato la volontà a collaborare, anche tra maggioranza e opposizione, per sottoscrivere un documento unico che sintetizzasse le varie proposte per rivitalizzare il centro storico. Documento che, però, ancora si fa attendere.

Intanto il gruppo di Fratelli d’Italia – unico partito della maggioranza ad aver presentato un ordine del giorno autonomo – ci presenta le sue idee per rilanciare e valorizzare il centro città.

Per farlo, secondo loro, è innanzitutto necessario che vi sia una armonizzazione del lavoro tra le parti in gioco. “Non è più possibile sostenere una politica che sia espressione di un metodo di lavoro a compartimenti stagni, armonizzazione e omogeneizzazione sono quindi requisiti necessari – si legge nel documento – per questo riteniamo che non sia più procrastinabile la formazione di un Ufficio per il Centro Storico, uno strumento amministrativo funzionante che possa fare sintesi tra i vari settori, sotto la guida dell’Assessore al Centro storico”.

Fratelli d’Italia crede anche che sia fondamentale riqualificare alcuni edifici che – da anni – vertono in una situazione di totale abbandono. Si parla, in particolare, di Palazzo Calabresi e Palazzo Farnese. L’obiettivo è quello di “invertire la tendenza a delocalizzare verso la periferia gli uffici pubblici comunali e a riportare in centro queste attività, primo provvedimento immediato per riattivare un circuito economico cittadino”, come spiegano nell’ordine del giorno.

Un altro obiettivo è accrescere l’attrattività residenziale del centro storico. Questo può essere reso possibile, come si legge nel documento, “attraverso mirate politiche abitative a favore dei nuclei familiari, di studenti e lavoratori anche con l’intervento diretto delle istituzioni pubbliche, proseguendo – poi – con la riqualificazione estetica del centro storico”.

Di primaria importanza, anche il settore turistico e culturale. Secondo Fratelli d’Italia, si deve continuare a promuovere una strategia turistica che valorizzi Viterbo e il suo passato, in modo da far conoscere a tutti anche la storia rinascimentale della città, e non solo quella medievale. In tema di decoro urbano, il gruppo sottolinea la necessità di potenziare il settore dei lavori pubblici, istituendo un capitolo di spesa dedicato ai piccoli interventi e alla manutenzione nel prossimo bilancio di previsione.

“E’ evidente che un centro storico curato e vissuto dai suoi cittadini e senz’altro un centro storico più sicuro, non soltanto nella sostanza, ma anche in termini di percezione”, concludono da Fratelli d’Italia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui